Home Diari Viaggiatori Al Hamra e Jebel Shams

Al Hamra e Jebel Shams

by: Cristina Randagianelmondo
342 visualizzazioni

AL HAMRA

Giungiamo qui verso le 16.30. La nostra guesthouse si trova proprio vicino alla città vecchia abbandonata, che visitiamo al calar della sera, dopo aver lasciato lasciato i bagagli in camera. Siamo praticamente le uniche a gironzolare tra le rovine.

Raggiungiamo anche la strada principale dove ci sono alcuni negozi, ed un supermercato chiuso.

PERNOTTAMENTO

Al Hamra Old House, 36 Eu la doppia con bagno. Siamo al piano terreno accanto all’ingresso. Nessun fastidio o rumore molesto. Si tratta di una abitazione tradizionale in terra, arredata in stile locale, bellissima.

Una ripida scala conduce al secondo piano, dove ci sono altre camere, tutte vuote, ed al terzo dove c’è un bel terrazzo sul tetto. Qui ci sono dei tavoli e consumiamo la ns cena, ordinata ad un delivery.

JEBEL SHAMS

Ci alziamo abbastanza di buon’ora e ci incamminiamo in direzione di Jebel Shams, sempre seguendo le indicazioni di Google Maps. Sappiamo che l’ultima parte del tragitto sarà sterrata e richiederà un 4WD, ma abbiamo letto che in prossimità di questo tratto stazionano sempre dei locals che si offrono come guide. Ci fermiamo in uno spiazzo per ammirare il panorama su un paese composto da case tradizionali arroccato a mezza costa di fronte a noi, vicino ad un’oasi rigogliosa. Credo si tratti di Misfah al Abriyyin.

Veniamo approcciate da un signore, che ci chiede proprio ciò che ci aspettavamo. Contrattiamo il prezzo sino a 30 OMR per tutte e due, e ci accomodiamo sul suo Toyota. Prende i dossi a tutta velocità senza fare una piega, noi pensiamo alla via crucis che abbiamo evitato accettando la sua proposta. Giungiamo al belvedere in forse mezz’ora di strada. Siamo quasi esattamente sulla punta delle montagne che si vedevano dal parcheggio dove ci siamo incontrati.

Proseguendo, lasciamo l’auto presso un villaggio, dove è nato il nostro accompagnatore, e dove vivono alcuni suoi parenti. Ci presenta i genitori, ed una nipote. Le donne non gradiscono essere fotografate.

Dal villaggio parte un sentiero panoramico da cui si possono vedere un po’ le stesse cose già ammirate dai view points in cima.

Visto il poco tempo a disposizione, dedichiamo circa un’ora alla passeggiata, poi salutiamo gli abitanti del villaggio, e torniamo alla nostra auto. Giungiamo a Muscat verso le 17.

puoi guardare anche......

Lascia un commento