Diari Viaggiatori
Stai Leggendo
Viaggio in India del Sud
Tipo di diario
0

Viaggio in India del Sud

Di Ricky Caputo22 marzo 2007

VIAGGIO INDIA DEL SUD TAMIL NADU – KERALA KARNATAKA ANDHRA PRADESH

Questo resoconto di viaggio sarà molto essenziale, e vuol dare qualche informazione in più alle molteplici già in rete. Per ulteriori riferimenti ed info, fare riferimento alle guide Lonely Planet e Routard, dell’India del sud.

Volo : AEREOFLOT Milano-Bombay via Mosca 450 euro. Puntualissima ed accettabile. E’ la prima volta in vita mia che un volo spacca il minuto!! Anzi…a Bombay è atterrato con 20 min d’anticipo!!
Arrivati all’aeroporto internazionale di Mumbay, se dovete andare al terminal dei voli nazionali, dopo il ritiro bagagli, girate a destra e seguite le indicazioni per la “waiting room for national flight”. Non appena ci sarà un numero sufficiente di persone, si verrà caricati sul pulmann interno per il trasferimento. Il servizio è gratis. Si arriva prima al terminal 1B e poi al 1A.

Voli interni: Ci sono tante compagnie, ma la più economica e pratica da prenotare è la SPICE JET. Si può comprare direttamente il biglietto dal sito, con carta di credito. e costa molto poco. Compagnia affidabile e moderna.

Bus: alle stazioni chiedete sempre informazioni ai bigliettai per il bus che dovete prendere. Sono tutti in divisa, con camicie e pantaloni sul verde tipo militare. Nei posti più grandi c’è anche un banco per le informazioni. Chiedete sempre a 2-3 persone differenti in caso di dubbi. Gli studenti sono anche molto affidabili per le informazioni e parlano generalmente un buon inglese.
I bagagli quasi sempre ve li dovete trascinare con voi. Non c’è il bagagliaio. Potete accatastarli su un sedile. Non vi chiederanno il supplemento per tale operazione ! Altra cosa da evitare di notte, è di viaggiare in bus. Sono pericolosi. Fanno sorpassi azzardati, ed il rischio di fare un frontale con un tir è elevato. Se proprio non si può evitare di prenderlo, sedetevi a sinistra……ed incrociate le dita !
Sedetevi in ogni caso nei posti davanti, dato che in quelli dietro si salta come matti ! Si viaggia alla media di 35 km/h (incluse fermate, soste, buche, etc)
I treni, invece sono, veloci ed efficienti. http://www.indianrail.gov.in
I tempi di percorrenza per gli spostamenti indicati sulla Lonely Planet sono praticamente esatti.

Cambio: evitate di cambiare in aeroporto, o cambiate pochissimo. Il cambio è molto svantaggioso. All’epoca quello corretto era di 56, 57 rp per 1 euro

PREZZI:

1l d’acqua 12-15 rp (+ vantaggiosa la bottiglia da 2l; 18-22rp).Comunque c’è scritto sopra il prezzo
Risciò (detti anche auto. Le macchine si chiamano invece Car!): 10rp di fisso + 10rp x km
Sigarette: da 15 rp in su (pacchetti da 10). Il prezzo è scritto, comunque, sotto il pacchetto, ed è quello giusto!
Pasti: a pranzo si usa quasi ovunque, proporre il THALI o MEALS. E’ un piatto fisso (e monotono) sempre costituito da riso, salsine, ed un chapati (piadina). Vi porteranno, e potete chiedere, in continuazione riso e salsine, fintanto che lo desiderate.
Pernottamento: le strutture si chiamamo LODGE o RESIDENCE; gli HOTEL sono invece ristorantini semplici. Spesso un Lodge, ha anche il ristorante, quindi ha la denominazione “Hotel Lodge….”. I prezzi di seguito indicati sono per una doppia, con bagno. Portatevi comunque un vostro lenzuolo, dato che non ne troverete mai di decenti. Le camere con televisione costano di più. Potete dire che non vi interessa e che lo portino via. Idem per la ricevuta, se dite subito che non la volete, non pagate le tasse. Fatevi solo fare un bigliettino con scritto pagato,.tanto per evitare “dimenticanze”
Deposito scarpe nei templi: 1rp (a volte 2, ma in genere è scritto). A proposito, dato che si entra scalzi, sappiate che il pavimento della zona esterna dei templi può scottare parecchio. Se non vi volete ustionare e fare il “fachiro per caso”, portatevi delle calze spesse (tipo spugna).
Chai (the): 2-3rp
Succhi di frutta: con frutta fresca 10-15rp, con frutta in scatola 5rp. Entrambi buoni.
Cocco: 5-7 rp
Telefonate: costano molto poco. Per chiamare un cellulare in italia si spende 15rp/min. Per i telefoni fissi poco meno. Cercare i cartelli con segnalato ISD (International Service Dial).
Banane: 4 piccole x 5rp; quelle un po più panciutelle 2 rp cad. Il prezzo esatto è di 20rp al kg
Olio per massaggi : NAVRATNA: 35rp conf. piccola, 41rp quella grande. In tutte le farmacie. Il prezzo è comunque scritto sotto. Molto buono!! Provatelo! Da una sensazione di caldo seguito subito dopo da una di freschezza!
Cavigliere: 30rp in metallo, 80 in lega con argento, 130 in argento.
Anelli: ci sono in giro dei bellissimi anelli in argento con turchesi, coralli, ed altre pietre simili. I prezzi per il puro argento 925 si aggira intorno alle 450rp per anello. Qui da noi costano 40 euro!
Stuoie: quelle tutte ricamate con specchietti (70×1.40) le trovate, a seconda della ricchezza dei ricami, da 600 a 1000 rp. IMPORTANTE: i colori NON sono fissati, quindi non si possono ASSOLUTAMENTE lavare, ne con acqua, ne a secco !!!!!!!!!!
Posso inviare eventuali foto, di quanto su detto tanto per darvi un’idea.

Scimmie: Le scimmie dove ci sono possono essere molto aggressive. Tenetevene alla larga, e non abbandonate zainetti e cose a terra, se possibile prendete una pietra in mano ed esibitela bene alle scimmie……..capiranno cosa si devono aspettare in caso che esagerano !!

Fotografare: Fotografare al sud era facilissimo !!! Erano loro che ti cercavano per farsi fotografare !!! Spesso, addirittura, chiederanno di fare una foto a te ! Al nord, con i turisti cretini, che distribuiscono penne, caramelle e soldi a tutti, adesso, sempre più spesso potrebbero chiederti qualcosa. Chiedi sempre prima di fotografare (basta far segno di voler fare una foto e sorridere ed aspettare la risposta). La cosa migliore è quella di cercare di avere un minimo approccio con la persona. Quindi ti fermi davanti a lei, sorridi, dici “how are you”, ti presenti, e poi le chiedi la foto. In ogni caso NON dare MAI, MAI, MAI e poi MAI, niente a nessuno !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Penne, caramelle, qualsiasi altra cosa e sopratutto soldi !!! Puoi fare un “regalino” a qualcuno solo, se non ti viene espressamente chiesto !!! Se te lo chiedono………NIENTE !!!

Mendicanti: Ancora. Non date MAI e poi MAI, niente a nessunoooooooo !!! Il vostro gesto non aiuterà nessuno !!! E poi, la questione dei mendicanti fa parte della religione Hindu, voi non lo siete, quindi non sono affari vostri ! Non fatevi commuovere e non fatevi prendere da sensi di colpa. Solo loro stessi si possono aiutare. Che si rimbocchino le mani e lavorino! Il lavoro non manca (anche se poco pagato e spesso massacrante)! In genere, comunque, gli uomini sono mendicanti veri, ai quali potete anche cedere una banana, o qualche cavolata da mangiare; mentre le donne ed i bambini sono paragonabili ai nostri zingari. Preferiscono mendicare perché più facile che andare a lavorare !! In ogni caso non date MAI soldi o qualsiasi altra cosa che non sia cibo. Mi è capitato più volte che ho provato ad offrire del cibo (quasi tutti indicano con la mano la pancia e poi la bocca, come per dire che hanno fame), ma mi è stato rifiutato!! Accettavano solo soldi ! Gli ho mandati allegramente a fare….un cubo !! Stessa cosa per le frotte di zoppi, storpi, mutilati. Ne ho viste a decine che mendicano, e molte più decine che invece cercavano di vivere, comunque, dignitosamente la loro vita senza chiedere niente a nessuno.
Stessa storia per bambini, studenti e chiunque vi chieda “school pen”, “bon-bon”, “chocolate” etc. Sorridete e con la faccia dispiaciuta dite “Sorry, finish!!”

Budget: si vive con poco di più di 5 euro, rimanendo su alloggi a 200rp e 2 pasti al giorno da 50 rp.

ALTRE INFO:

ci sono farmacie ovunque e sono affidabili per risolvere eventuali problemi che avrete. Vi venderanno solo le pastiglie di cui avrete bisogno per poche rupie! (e non come qui da noi che gli sprechi non si contano!)
Stazioni dei pulmann :si chiamano “Bus Stand”
Gesticolare: gli hindu quando dondolano lateralmente il capo, vogliono dire “si – d’accordo – ok – ho capito”. Per dire No, invece fanno proprio come noi; lo girano a destra e sinistra più velocemente!
Mancie: non datele a sproposito. Se andate a mangiare nei ristorantini locali, c’è chi si farà in quattro per capirvi ed accontentarvi. Inutile dire che una mancia di 5-7rp è doverosa. Non fate i taccagni! D’altro canto non date nulla a chi non ha fatto nulla di più del suo.
Pagamento per materiale fotografico: quando entrate nei templi od altro dite sempre che non avete macchina fotografica, specialmente se avete quella digitale piccolina, da nascondere. Se vela trovano, dite “Battery finish!” Eviterete di pagare sempre soldi. Tanto….non vengono usati per la manutenzione del posto !! Una volta entrati difficilmente qualcuno verificherà se siete in regola ! Iniziate comunque a scattare foto dalla parte più lontana dall’ingresso e procedete verso l’esterno….una volta vicini all’uscita, anche se vi beccano, potete dire che non vi interessa ed uscire….tanto…ormai avete già visto tutto !
Procacciatori di clienti: quelli che vi abbordano per portarvi in qualche Lodge, in genere ricevono una commissione (intorno ad 1 euro, che il proprietario del Lodge ricaricherà su di voi), ma a volte ci sono i veri proprietari che aspettano il cliente. Quindi se vi mostrano tanti bigliettini di vari posti, sono procacciatori, se ve ne offrono solo uno, allora è il proprietario. Quasi sempre vi diranno un sacco si fandonie, se sanno che cercate di andare in qualche altro posto. Comunque, spesso sono molto utili, potete subito dire quanto vorreste spendere e trattare anche sul prezzo! Ovviamente vi accompagnano! Occhio a quando vi offrono un Lodge ad un certo prezzo e poi invece vi portano altrove!! A noi arrivati in piena notte ad Hyderabad un risciò ci aveva promesso che ci portava a vedere dei lodge per 400rp, quando in genere i prezzi invece erano di 600-700. Ebbene…..alla fine abbiamo pagato 400rp!!! Anche se il tariffario ufficiale ed esposto era veramente di 700rp ! Una promessa è una promessa….da queste parti. Ovviamente si deve trattare e piangere miseria, ed ogni notte del viaggio è sempre “l’ultima” prima di ritornare a casa senza soldi !
Informazioni: quando chiedete informazioni, conviene essere sempre muniti di carta e penna, scrivere la destinazione dove si vuole andare e mostrarla a qualcuno, chiedendo, eventualmente di scrivere a sua volta i riferimenti su come arrivare, magari anche in Hindi. Questo anche perché l’inglese parlato dagli Hindu è a volte incomprensibile, perché parlato con la loro cadenza.

Zone visitate: Stranamente i prezzi di alcune cose, aumentano, da stato a stato. Noi abbiamo notato un aumento crescente, esattamente nell’ordine di percorrenza del nostro itinerario ! Quindi il Tamil Nadu è il più economico, Il Karnataka, il più caro. Si parla di differenze, comunque, di poche rupie.
Allo stesso modo, anche il turismo occidentale, e quindi, inversamente, la gentilezza della popolazione locale, segue lo stesso andamento. Il Tamil Nadu, rimane quindi la zona più Hindi, poco influenzata dal turismo e con la gente più disponibile e curiosa che ci sia,ed a mio avviso la più bella ed interessante. Templi di varie fatture meravigliosi e fervore religioso. Dato che siamo in tema. Questa zona, pesantemente colpita dallo Tsunami di qualche anno fa, si è completamente ripresa, e non ci sono problemi di nessun genere (alla faccia della guida Routard, che non aveva voglia di controllare tale zona e si arrampicava sugli specchi con false ed ipocrite parole di “rispetto per la sciagura e tante altre fandonie!” e non ha scritto un bell’accidenti di nulla su questo stato!
Aeroporti: i controlli in aeroporto sono molto severi. Non portatevi accendini e fiammiferi, tanto ve li trovano e confiscano. Allo stesso modo non mettete nel bagaglio a mano oggetti in metallo che potrebbero essere catalogati come “arma impropria”. Quindi, statuette, posacenere ed altro, imbarcateli, altrimenti potreste dare addio al vostro souvenir ! Nel dubbio, chiedete, prima di fare il check-in e quindi di imbarcare il vostro bagaglio, di passare ai raggi X il vostro bagaglio a mano per capire se ci potrebbero essere problemi.

Usanze: Gli indiani sono molto curiosi e vi chiederanno migliaia di volte….come ti chiami, da dove vieni, che lavoro fai, quanto guadagni, se sei sposato. Onde evitare incomprensioni, se hai più di 25 anni, rispondi sempre che sei sposato, hai due figli, ma che la tua famiglia non è potuta venire con te. Si ritiene assurdo, e da pazzi, che dopo questa età non si abbia ancora famiglia.

Ristoranti: nei ristorantini locali si mangia con le mani! Non vi forniscono posate. E’ sempre disponibile un lavandino per lavarsi le mani dopo il pasto, ma non troverete sapone !

Sicurezza: Gli unici punti dove dovrete prestare particolare attenzione sono le stazioni dei treni, dei bus, ed ai mercati. Specialmente nelle zone dove ci sono molti turisti, dato che gli indiani hanno capito che ne possono approfittare ! Guardate sempre in faccia tutti e se sembra che qualcuno vi punti guardatelo con sguardo minaccioso come per fargli capire che non siete “pane per i suoi denti”. Gli indiani sono, comunque un popolo tranquillo, quindi cercate di essere anche voi come loro, in modo da evitare di istigare odio e violenza verso gli occidentali.
Unico pericolo è il traffico. Guidano come matti, la guida è a destra, quindi attenti quando attraversate, che si è abituati a guardare i veicoli in arrivo dalla parte sbagliata! E sappiate che NON si fermano !! Quì vale la legge del più grosso ! Quindi prima passano i camion, poi i bus, poi le macchine, poi i risciò, le moto, le bici, i carretti, le mucche, ed infine i pedoni. E se vi investono, la colpa sarà esclusivamente vostra ! Quando dovete attraversare cercate di farvi “scudo” con qualche altro pedone locale, che sa bene come districarsi nel traffico infernale ! Altra cosa. Il clackson è onnipresente. Lo usano sempre per dire…..sto passando….se insistono….vuol dire….”ti sto investendo” !!! E quando qualche mezzo gira, o fa retromarcia, non guarda MAI se c’è qualcuno. E’ dovere del pedone spostarsi. Quindi uomo avvisato….

Abbigliamento: Ultima cosa. L’abbigliamento. Lasciate perdere i vestiti “indiani” per confondervi nella folla. Tutti gli indiani maschi usano normalissime camicie, spesso a scacchi, e pantaloni classici lunghi (od un gonnellone che a volte si rimboccano in vita), e sono in genere tutti puliti. Le donne al 99% indossano il sari. Quindi se vi mettete vestiti “strani”, per ”confondervi” sarete invece, in bella vista !! Sappiate, che in India, ci sono schiere di sarti che vi possono creare, o
sistemare un vestito che avete già, per cifre ridicole (1-2 euro).

Telefonare: “Buttate” il telefonino via, o meglio usatelo eventualmente solo per mandare-inviare SMS. Un “trucco”: fate solo “uno squillo” (e chiudete subito la telefonata) a chi desiderate (famiglia, ragazza, etc), ogni tot, concordato, tanto per far capire che va tutto bene e voi non spendete nulla !
Poi…se proprio siete in astinenza “vocale”……telefonare dal posto è facilissimo e costa
quasi meno che una chiamata nazionale in Italia ! Individuate le insegne che indicano ISD. Alcuni sono quasi dei “tombini con un telefono”,ma funzionano. Trovate questi cartelli, in tantissimi “negozi” (che parolone!) ed internet-point (che a sud si chiamano “Browsing center”!)
In generale un minuto di telefonata costa 10-20 rupie se chiami i telefoni di base, 15-25 per i
cellulari. Il prezzo dipende dalla zona dalla quale chiami. In India ci sono varie compagnie
telefoniche che servono stati diversi (un euro=57 rupie…quindi fatte i conti!).
Sappiate che si paga già da quando il numero chiamato inizia a squillare….quindi anche se non
risponde nessuno, e state un minuto in attesa,…dovete pagare !! Quindi…avvisate chi interessato, che se ricevono una chamata con il numero che inizia con “091” (prefisso dell’india), ….di… correreeee !!

Sito molto buono per cercare i festival indiani:
www.webindia123.com/festival/news/news.htm

ITINERARIO

MAMALIPURAM – Tamil Nadu

Dall’aereoporto ci sono i taxi prepagati, affidabili e sicuri. 780 rp (13 euro; cercate qualcun altro che deve andarci e dividete la spesa). Evitate pure Chennai (Madras). Non c’è un fico secco !
La zona dove andare a vedere i principali monumenti si visita solo a piedi. Per andare ai “five rathas” potete andare in bici (40rp al giorno), risciò (25rp), od anche a piedi. E’ solo 1,5 km.. Comunque la spesa per entrare (5 euro!!!), non gli vale proprio. Potete dare, però, una bella occhiata da fuori…gratis !
Lodge Ramakrishna 250 rp trattando
Il paese, come tutto il Tamil Nadu e Kerala è infestato dalle zanzare !
In paese ci sono alcuni posti che fanno i massaggi. Il prezzo giusto è 300 rp x 45min ed è un affarone! Approfittatene ! Qui è anche il regno dei lavori in pietra. Se siete interessati, approfittatene! Non li troverete più ! La paccottiglia che vendono in centro è “economica”. Se volete un pezzo più bello, andando per i five rathas troverete i laboratori di dove fanno direttamente le lavorazioni in pietra, in tutte le misure. I prezzi che chiedono però sono ben proporzionati alla qualità dell’oggetto, e per una statuetta in marmo ben fatta i prezzi chiesti partono da 3500rp !! (si riesce a scendere di poco….max a 2500rp)

KANCHIPURAM

20 bus da Mamalipuram, 160 giro in risciò per tutti e 5 i templi da vedere (tutti gratis); consigliabile.

CHIDAMBARAN

33rp bus kanchipuram-Pondicherri, poi si cambia. Bus pondicherry-chidambaram 20rp
200 Lodge Mansoor

KUMBAKONAM

Bus da Chidambaran 22rp, 200 risciò per la visita ai templi di Dharasuram e Thirubuvanam. Belli, peccato che erano in ristrutturazione, 200 Lodge Pandiyan

THANJAVUR

13rp bus da Kumbakonam, 420 residence Annai, 50 Royal Museum (non gli vale), 20 Art gallery (bella collezione di bronzi)

TRICHY (Tirichurapalli)

18 bus da Thanjavur, 305 Arun lodge – Il Bazaar è solo una concentrazione di bancarelle e negozietti nel centro; il Gandhi Market, 1km a sud, è un mercato vero e proprio di frutta e verdura. In entrambi i posti non si trovano souvenir per turisti.

MADURAI

35 bus da Trichy, 180 Lodge Sree Devi

KUMILI (Peryiar park) – Kerala
38 bus da Madurai, 250 Regent Tower Lodge
Ci sono alcune agenzie che organizzano il transfer per il parco, ed il giro nelle coltivazioni di the (belle quasi come a Munnar) e di spezie. Sappiate che i prezzi sono: 300rp ingresso al parco, 100 trekking (gruppo di 5 persone), 100 per il giro in barca (vi consiglio entrambi). Per raggiungere l’ingresso del parco sono circa 7-8km; quindi un riscio costa 80-100rp a tratta. Per andare a visitare le piantagioni di the (chiedete x la fabbrica del the, è l’unica visitabile della regione. Non si paga x la visita), sono circa 15 km. Se vi organizzate da soli spenderete sicuramente meno, ma se siete pigri od avete poco tempo chiedete in agenzia. Prezzi a partire da 1200rp. Per i massaggi abbiamo sentito prezzi di 1000rp, fatti in uno sgabuzzino !!! Mandateli a dare via il….cubo! Gli stessi trattamenti in cliniche serie e molto carine costano meno della metà!
Se avere problemi con l’agenzia non esitate a rivolgervi alla polizia (accanto al bus stand, dopo la sbarra di confine tra Kerala e Tamil Nadu). Vi prenderanno in considerazione e bastonano chi rovina il turismo. Ogni sera spettacoli di danza Kathakali e Kalaryaput (arte marziale del Kerala)

ALEPPEY

60rp bus da Kumili per Kottayam, 30rp risciò bus stand-Ferry, 10rp ferry (barca) da Kottayam ad Aleppey. Bellissima traversata sulle backwaters, con paesaggi molto più vari del classico e turistico giro tra Aleppey e Quilon, e molto più economico. Insomma….fatelo ! Si può effettuare anche nel senso inverso e da Kottayam proseguire per qualsiasi altra destinazione.
250rp hotel lodge Solar avenue. Il più bell’albergo del viaggio. Consigliatissimo !!!! (prezzo da trattare; dal jetty, a sx, 1° a dx 400m sulla sx, dopo la chiesa, prima del canale), ristorantino con carne di fronte al Jetty; ha un tandori chicken da favola !!! Prendetevene almeno metà a testa ! 80rp. Nel paese non c’è un cavolo da fare. Noi ci siamo fermati solo per riposarci un pò prima di proseguire. Se poi arrivate domenica è quasi tutto chiuso. Qui ci sono molti cristiani, come in tutto il Kerala.

COCHIN (Ernakulam)

36 bus da Aleppey.
E quì il discorso è personale, noi abbiamo preferito pernottare nell’incasinata , ma vera Ernakulam. Fort Cochin non ha nulla di India; tutto fighettino, finto, tutto per turisti, ed anche i prezzi. Ma se proprio volete fare un break dalla vita indiana…..affari vostri. Anzi a dire il vero se riuscite a vedervi lo spettacolo di Kathakali da qualche altra parte (vedi Kumily), praticamente non c’è ragione per fermarsi a Cochin. Noi abbiamo visto il Kathakali all’Art Kerala, vicino la stazione ferroviaria (150rp), ma ci sono troppe spiegazioni. Abbiamo visto che a Cochin, arrivando con il Jetty da Ernakulam, si gira a destra e dopo 100m sulla sinistra c’è un posto il quale pare faccia anche Danze Barata Natyam del Tamil Nadu ed altro (dovrebbe chiamarsi Rhythms). Sarà forse turistico, ma penso sia più interessante per noi occidentali ! I prezzi per un massaggio del corpo ayurvedico si aggirano intorno alle 500rp. 600 per il trattamento con l’olio sulla fronte. Fatevi dire quanto dura, ed avvisateli che controllerete con l’orologio (e fatelo!), e pagherete meno se non sarà così!! A noi avevano detto 1 ora + 45 min (entrambi i trattamenti), che si sono ridotti a 40min + 25min ! In pratica vi imburrano tutto il corpo !! In genere è possibile farsi una doccia subito dopo. Vi consiglio di portarvi il vostro asciugamano e sapone.

KANNUR

Kannur è un posto magico dove assistere a delle cerimonie religiose tribali uniche e meravigliose, solo in questo periodo del’anno, con persone gentilissime e fantastiche. La parte migliore dell’intero viaggio !
Ulteriori informazioni riservate per veri viaggiatori attenti e rispettosi delle tradizioni.
Se siete TURISTI, persone che impazziscono per Goa, che vanno in India per fumare e bere birra e cose del genere…..bene rimanetevene a Goa. Kannur non ha bisogno di voi.

MYSORE – Karnataka

103 bus da Kannur (bisogna cambiare a VEERAYPET; strada di montagna, tipo mulattiera, si balla!). E’ molto sporca, trafficata e la gente non è più sorridente. Trovate gli scocciatori che parlano anche un po di Italiano!
15rp risciò dal bus tand, 275 Lodge Srikanth (consigliato. Molto vicino a Gandhi Square), 7rp bus per il tempio delle Chamundi Hills (potete saltare questa meta a piè pari…..insignificante), 20 ingresso palazzo reale Mysore. Bello, da non perdere! Attenzione le telecamere e macchine fotografiche dentro il palazzo sono tassativamente vietate. Si possono usare nei giardini, poi dovrete depositarle nell’apposito spazio custodito (hanno delle cassette con chiavi) a 25rp cad. Noi non sapendolo e non fidandoci del deposito (anche se a vederlo sembra molto serio e sicuro), abbiamo fatto un “regalino” al poliziotto che controllava. 10rp (insomma, anche più economico!). Non azzardatevi comunque ad usarle dentro !!! C’è la confisca immediata e 5000rp di multa!

BELUR-HALEBIB

80rp bus per Halebib da Mysore, 250 Residence Sumukha (doccia solo con secchi!! Se potete evitatelo, o pagate meno!) ,11rp bus da Belur ad Halebib.
I due posti si visitano tranquillamente in una giornata.

HAMPI

Arrivare ad Hampi da Belur è un’impresa. Bisogna cambiare parecchie volte, anche se a noi hanno detto (dopo) che c’era un bus diretto alle 6.30. Se non lo trovate, dovete per forza fare questo giro:
Belur – Shimoga (si pronuncia shumagà) 70rp, Shimoga – Hospet 106rp, Hospet – Hampi 10rp
In tutto impiegherete 10-11 ore !
250 Shiva café lodging. Non malaccio, ma la concorrenza quì è fortissima, e si può trovare qualcosa di più bello per questi prezzi.
Hampi è costruita per i turisti. Si trovano tutti i negozietti per fare shopping (occhio che vi chiederanno cifre assurde!!! Il doppio, il triplo ed a volte anche il quadruplo!) e tutto l’abbigliamento Goa-Hippy-style. Il cibo non è indiano, è “addomesticato” per palati deboli, e costa il doppio, la gente cambia totalmente, sei diventato il portafoglio ambulante e basta, non c’è più la curiosità degli altri posti. E penso che peggiorerà. Comunque se siete in coppia, ci sono posti molto carini, e può essere piacevole, fare un ennesimo break dal casino dell’India classica.
Per girare il sito archeologico potete farlo benissimo in bici, (se non addirittura a piedi….ma con il caldo non ve lo consiglio). Se proprio siete degli scansafatiche od avete una fretta del diavolo, potete avvalervi di un risciò. Non dategli più di 200rp per tutto il giro e partite presto (06.30); anche facendolo con tutta calma, nel giro di 4-5 ore avrete finito. Nella zona del recinto reale potreste venire agganciati da ragazzi che si improvvisano guide. Sono molto utili per capire qualcosa in mezzo a quel poco che rimane. In genere non chiedono nulla esplicitamente, ma si aspettano una mancia alla fine. Direi che 30rp siano ragionevoli. C’è poi un bel giro da fare esclusivamente a piedi per poter vedere altri templi e ne vale la pena. Occhio a non perdervi!

BADAMI

Vi consiglio assolutamente di andarci. È un posto fantastico !
95rp bus da Hampi; la strada è stata rifatta. Ora si arriva in 4,5 ore devono finire solo gli ultimi 36km; 250 Anand Lodge (a dx del bus stand. Consigliatissimo).
Andando verso la cisterna (tank) centrale dietro il paese, il paesaggio è bellissimo, il traffico caotico della via principale si azzera, e si è immersi in una tranquilla vita da villaggio. Tutti sono sorridenti e potete fare foto a go-go. La stessa è circondata da falesie di modeste dimensioni ma molto suggestive, dove sono ubicate le quattro grotte tempio, di cui la num. 3 è la più bella come lavorazione. Fate attenzione alle scimmie. Dalla parte opposta alle grotte c’è il museo e l’ingresso per il forte. Da quì tenendo sempre la destra si può fare tutto il giro e ridiscendere dall’altra parte (in pratica alla fine del laghetto cisterna). Fatevi anche il giro del laghetto. Sulla parete dove ci sono anche le grotte sono disseminate delle sculture che rappresentano la preistoria. Non so cosa c’entrano ma sono simpatiche.

AIHOLE – PATTADAKAL

16rp bus per Pattadakal da Aihole (attenzione! Per tornare c’è un bus alle 10,15 e poi solo alle 16.00!). In pratica, quindi, l’andata è alle 07.45 con arrivo alle 9.15, riuscirete a visitare solo il tempio più caratteristico, il tempo è comunque sufficiente. Il bus ferma proprio davanti al tempio. Da Pattadakal, invece, ci sono molti minibus che tornano a Badami. A mio avviso, comunque, dopo aver fatto l’itinerario fin qui esposto, si può saltare questa meta. Anche perché 5euro per l’ingresso ai templi di Pattadakal, sono veramente eccessivi. Badami, invece è unica e merita.

HYDERABAD – Andra Pradesh

18rp bus per Bagalkot, da dove si cambia per Hyderabad. Ci sono 4 corse serali, che partono da Bagalkot dalle 16.30 in poi ad intervallo di 1 ora circa fino alle 21.30. La corsa delle 16.30 è ordinaria, le altre semi-deluxe (anche se è un parolone!).
Bus ordinario per Hyderabad da Bagalkot (partenza 16.30 – arrivo 03.30 di notte)
Per il pernottamento dormite nella zona di Abids. E’ quella dove ci sono un sacco di negozi e vita.
Per andare a Fort Golconda ci sono tanti bus, che però fanno dei giri tortuosi, ma sono sicuramente infinitamente più economici del risciò (bus 12 rp, risciò partivano da 150; in teoria dovrebbero essere max 7km, quindi la tariffa giusta è di 70rp). Provate a far chiedere da qualcuno del vostro albergo per il risciò, in modo che vi chiedano il prezzo giusto, allungando 10rp di mancia al ragazzo.
80rp risciò per l’aereoporto, contrattato dal ragazzo dell’albergo (con mancia di 10rp !). Pensavamo ce ne chiedessero almeno 200 !!! Si torna a casa !
Al prossimo viaggio !!! Ciaoo ! Ricky

Cosa ne pensi?
Ottimo !
0%
Buono
0%
Cosi cosi
0%
Mah...
0%
Cosa?
0%
Pessimo
0%
No comment
0%
Approposito dell'autore
Ricky Caputo

Lascia una Commento

Valuta il diario