Diari Viaggiatori
Stai Leggendo
Viaggio in Marocco fai da te
Tipo di diario
2

Viaggio in Marocco fai da te

Di Renata Aurini28 aprile 2008

Viaggio in Marocco fai da te

Giovedì 10 aprile

Dopo un anno da una non proprio esaltante esperienza Marocco-città imperiali in treno e sotto la pioggia, decidiamo di riprovarci. Stavolta la destinazione è il sud, e il mezzo un’auto a noleggio. Partiamo all’alba da Malpensa con un volo easy jet (140 euro andata e ritorno in due senza bagagli) dopo una notte sulle comode panche dell’aeroporto. L’arrivo a Marrakech è in leggero ritardo per via del forte vento che ci dà qualche problema in atterraggio ma comunque ci siamo. Cambiamo i nostri euro in dirham (zero commissioni anche in aeroporto) e ci dirigiamo verso l’autobus che dal piazzale ci porterà in mezz’ora per circa un euro in piazza Jemaa El Fna. Ora alla ricerca dell’albergo. Optiamo per un riad nella medina vicinissimo alla piazza, il riad Hamza, dove torneremo per l’ultima notte dopo il nostro giro www.riad-hamza.com. Passeggiata rituale per Marrakech che ritroviamo dopo un anno con i medesimi profumi, suoni, fetori e colori: una bolgia avvolgente e trascinante.

Venerdì 11 aprile

Avendo due ore di vantaggio rispetto all’Italia, decidiamo di sfruttarle, così alle 6 del mattino, cioè le 8 italiane dei nostri orologi siamo già in piedi, godendoci la città che si sveglia e la colazione con paste appena sfornate. Ma soprattutto eccoci al palazzo reale, alle tombe saadiane e al palazzo Bahia prima dei tours organizzati (ingresso 10 dh, meno di un euro) e praticamente soli. Meraviglioso il panorama della città e della cinta dell’Atlante dai bastioni dove le cicogne fanno il nido. Quante foto! Andiamo a ritirare l’auto prenotata dall’Italia su internet per 200 euro (visitate vari siti, i prezzi sono molto diversi!). Si parte in direzione Ouarzazate. Appena fuori dalla città e dal suo traffico caotico, ecco il panorama cambiare: terra rossa sempre, polvere, rare costruzioni, asini e carretti che marciano nell’apposita carreggiata ai margini della strada, poi le montagne sempre più vicine, verdi, nere, viola, si continua a salire e il panorama è sempre più mutevole: rocce aguzze,nuvoloni, pioggia, vegetazione di montagna. Ecco i venditori di coloratissimi fossili sul ciglio della strada, e arriviamo al passo di Tizi-‘N-Tichka a respirare aria fredda e pulita prima di iniziare la discesa. Da dire per inciso che le strade si sono rivelate ottime, ben asfaltate e prive di traffico per tutto il viaggio. La nostra prima tappa sarà l’antica Kasbah di Ait-Ben-Addou che raggiungeremo dalla seconda indicazione dalla strada principale. Da lontano la kasbah emerge come un miraggio dalla polvere. Dopo aver parcheggiato si scende a piedi tra le case di terra, alcune abitate, e si attraversa un piccolo corso d’acqua dove vari ragazzi hanno predisposto dei punti di attraversamento per rimediare qualche mancia. La kasbah è spettacolare per la ventosa collocazione al centro del nulla, per la vastità e la bellezza architettonica a dispetto della povertà dei materiali usati: fango e paglia impastati, modellati ed essiccati al sole.
Torniamo alla strada principale e superiamo Ouarzazate con i suoi Studios. Dopo Skoura si apre un panorama spettacolare: è la valle del Dadès, la via delle 1000 kasbah. Il sole che inizia appena a calare, crea colori irreali: la strada è un nastro nero deserto che si srotola, ai lati il rosso porpora di pianure e colline punteggiate da decine di piccole kasbah e ksar. Il cielo è color cobalto e alla nostra destra il fiume Dadès, sfumato di rosa, costeggiato da gruppetti di palme. Incantati dal paesaggio,non ci rendiamo troppo conto dell’ora. E’ ormai sera e la strada non è illuminata. Il primo paese è El Kelaa dove ci fermiamo nel primo (e unico?) albergo. Intonaco cadente, pavimento in cemento coperto da luridi tappeti, polvere e macchie ovunque, bagni esterni. Ci vengono chiesti 100 dh (meno di 10 euro) e non possiamo sottilizzare. L’albergatore ha anche un adeguato ristorante sotto l’hotel, dove per non deluderlo ceniamo con un tajine che anche un gatto affamato ci rifiuta. Ci mettiamo a letto vestiti.

Sabato 12 aprile

Amara sorpresa: ci sarebbe bastato percorrere 1 km inoltrandoci nella Valle delle Rose (altro panorama straordinario) per trovare un delizioso hotel-kasbah. Ma va bene lo stesso. Si riparte prestissimo verso le Gole del Dadès e vediamo, all’alba, bambini che a piedi, o rarissimamente in bici, si dirigono verso paesini lontani chilometri per andare a scuola.
Il panorama che da Boulmane sale verso le gole è di una bellezza violenta e primordiale. Rocce ocra levigate in forme che sembrano plasmate dalle mani di un gigante. Ma non vogliamo perdere le più rinomate gole di Todra, quindi, appena arrivati in cima facciamo dietro-front, torniamo sulla strada principale e a Tinerhir saliamo verso il Todra. Onestamente, pur se bellissimo con queste vertiginose pareti che quasi si toccano, il paesaggio del Dadès ci è parso ancora più bello e unico. Riscendiamo e ci avviamo verso il deserto. Ma che buona scelta è stata quella di mantenere l’orario italiano! Qui non c’è certo vita notturna e alzarsi presto senza sforzo ci permette di avere molte ore di luce a disposizione. La fame però si fa sentire.I rifornimenti di carburante sono relativamente frequenti, ma il cibo? Km e km senza anima viva.. Arriviamo in una specie di agglomerato di case e notiamo del fumo. Arrosto! Il signore del chiosco, facendosi strada tra nugoli di mosche, molto cortesemente ci pulisce un tavolino con lo straccio del pavimento e ovviamente con le stesse mani prepara spremute che poi verserà in bottiglie di plastica da esporre al sole, infine toglie pezzi di carne da una marinata e ci prepara degli spiedini. Ottimi, forse per il composito condimento. Speriamo che la cottura abbia ucciso tutto e osserviamo i vasetti di jogurt accatastati sotto un sole implacabile. Ma quanti anticorpi possiede questa gente ?! Acquistiamo arance e banane e ci riavviamo. Da Tinejad tagliamo verso Erfoud. SIAMO NEL DESERTO. Sabbia, vento, palmeti, dromedari che la fanno da padrone al centro della strada e poi terra nera, grigia, rossa. Da Erfoud la strada ci porta, bellisima e sconfinata, passando per Rissani, fino ai piedi delle enormi dune di Merzouga. Solo qualche cumulo di sabbia sulla carreggiata ci costringe a qualche zig-zag, ma la piccola Peugeot si sta comportando alla grande. A Merzouga veniamo praticamente assaliti da chi vuole offrirci alloggio. Torniamo indietro di un paio di km (a Merzouga la strada finisce) e deviamo per una specie di pista ben battuta dove ci sono indicazioni di hotel. Un tipo in bici ci propone di seguirlo. Ci fidiamo, e tra buche e sassi arriviamo alla Kasbah Mohayut www.mohayut.com una vera kasbah costruita col metodo tradizionale, accogliente, fresca, con giardino interno e piscina. Mezza pensione per 600 dh in due (55 euro). Il trattamento è eccellente, forse un po’ turistico, con camerieri in pieno travestimento berbero. Ma dopo la notte a El Kelaa ci voleva questa stanza con doppio bagno e terrazzino sul deserto. Facciamo una passeggiata tra le dune prima di sera e ci perdiamo. Mio marito è furioso, anche perchè non abbiamo nemmeno memorizzato il nome dell’hotel e lì intorno ce n’è una sfilza tutti uguali. Io non posso smettere di ridere correndo con le scarpe piene di sabbia prima che la notte abbia il sopravvento, ma un ragazzo che evidentemente ci teneva d’occhio, ci viene per fortuna in aiuto. La cena, tutta a base di cucina tradizionale, è ottima

Domenica 13 aprile

Dopo il tramonto, non posso perdermi l’alba nel deserto, ed eccoci, ancora al buio, aggirarci tra le dune. Di nuovo tante foto, ma sono esperienze da vivere, non da raccontare.
Dopo la colazione si riparte col rammarico di non aver tempo per visitare il deserto nero, dal lato opposto del paese: il deserto vulcanico dove ci sono laghi non sempre asciutti e fenicotteri.
Arriviamo a Rissani e prendiamo la lunghissima e deserta strada verso Agdz. Intorno a noi il paesaggio è mutevole e surreale: sembra lo scenario di un film sui dinosauri. Rocce nere gigantesche, praterie, palme, rovine di kasbah, ma soprattutto solitudine sconfinata. Solo ogni tanto, emersi dal nulla, vediamo correre piccoli pastori di greggi di pochi animali. Sono laceri, sporchi, spesso piccolissimi, e agitano bottiglie di acqua vuote. E’ un gesto di richiesta che spesso abbiamo incontrato e accontentato, così come assai spesso frotte di bambini ci hanno circondato chiedendo bon-bon, penne, vestiti o spiccioli, ma mai come questi ci hanno strappato il cuore. Ci chiediamo come possano vivere qui e dove, visto che a perdita d’occhio non ci sono case né ripari. Siamo in aprile ma il sole a picco è una lama.
Arriviamo alla valle del Draa, ma decidiamo di non arrivare a Zagora e proseguiamo verso l’oceano. La strada è lunga, rovente, monotona e piena di curve. Al tramonto siamo costretti come al solito a fermarci e lo facciamo a Taznakhte all’hotel Taghdaoute, dove per una piccola stanza con bagno e una cena a base di ottime, solite brochette e patatine spendiamo 240 dh. Non per nulla l’hotel è pieno di ciclisti tedeschi! Inoltre, incredibile, in uno dei bagni esterni alle camere, c’è addirittura un bidè!! Il paesino polveroso e maleodorante non offre molto, ma è una valida tappa.

Lunedì 14 aprile

Dopo circa 3 ore siamo a Taroudant, la “piccola Marrakech”. Dopo un rapido giro delle mura e della medina si riparte verso Agadir, dove arriviamo nel pomeriggio. Ne abbiamo un’impressione sgradevole di luogo turistico e senza sostanza e tiriamo diritto. Siamo stanchi e ci fermiamo poco fuori Agadir, sul litorale verso Essaouira, all’hotel Littoral www.hotellittoral.com dove spendiamo circa 30 euro per una bella camera. Andiamo in spiaggia, tra rifiuti di varia origine, a vedere il tramonto sull’oceano e a rilassarci un po’.

Martedì 15 aprile

Siamo in viaggio verso Essaouira. Abbiamo l’oceano alla nostra sinistra. Più avanti la strada si fa più interna ed ecco la zona della coltivazione delle bellissime piante di argan, da cui si estrae l’olio milleusi (alimentare e cosmetico) e sui cui rami vediamo brucare appollaiate le famose capre.
All’orizzonte finalmente le torri di Essaouira,la mitica, bianca Mogador. Ci sistemiamo in un grazioso e pulito riad (il riad Souiri www.Hotelriadsouiri.com alle porte della città per circa 30 euro. Essaouira al porto, al tramonto, tra gli effluvi del pesce e le planate dei gabbiani è incantevole, così come è incantevole la sua tranquilla e “salottiera” medina, così diversa da tutte le altre. Qui nessuno ci importuna o vuole vendere ad ogni costo. Ma nulla, dopo i panorami del deserto, ci esalta più di tanto. Ci esalta invece, e da sola vale la tappa ad Essaouira ,la cena di freschissimo pesce alla brace in uno dei numerosi baracchini nella piazza vicino al porto, anche se piuttosto cara.

Mercoledì 16 aprile

All’alba si riparte verso Marrakech, con la netta percezione che questo bel viaggio stia finendo. Ci annuncia la città una bassa, enorme nube di polvere rossastra. E poi di nuovo il caos, il traffico sregolato, il rumore dopo tanto silenzio…
Non senza difficoltà troviamo e visitiamo il grazioso giardino Majorelle (entrata 30 dh) e alle 11 in punto stiamo riconsegnando la mitica Peugeot 206 che ci ha portato per quasi 2000 chilometri. Pranziamo ancora in una specie di ristorante-bar vicino al noleggio, dove gustiamo un ottimo pollo alla griglia intero, brochette, patatine e birra gelata (100 dh in 2) e poi siamo pronti per un ultimo giro per la città. Ci muoviamo a piedi e arriviamo fino ai giardini della Menara, per poi chiederci se ne valesse la pena. Sicuramente si, per poter dire di no. Stremati e parzialmente rifocillati da un chilo di datteri, ci ritroviamo per il tramonto sulla terrazza di uno dei tanti bar intorno alla piazza Jemaa El Fna per un ultimo té alla menta.

Giovedì 17 aprile

Alle 6 di mattina siamo sul pulmino che ci riporta in aeroporto, e lo fa con una lentezza estrema, nonostante la totale assenza di traffico, come per farci salutare la città.
Dopo un interminabile controllo passaporti, che ci farà ritardare il rientro di 2 ore, siamo sull’aereo che ci riporterà in Italia. Viaggio splendido, ma un po’ troppo concentrato. Avremmo avuto bisogno di almeno il doppio del tempo.

Cosa ne pensi?
Ottimo !
0%
Buono
0%
Cosi cosi
0%
Mah...
0%
Cosa?
0%
Pessimo
0%
No comment
0%
Approposito dell'autore
Renata Aurini
  • 19 ottobre 2015 at 13:33

    Abbiamo scelto questa agenzia MaroccoEscursioni per un giro di tre giorni da marrakesh a Fes con una notte di pernottamento in un accampamento berbero fra le dune rosse di erg chebbi.
    Visto che eravamo un gruppo di 6 persone, Mohamed ci ha proposto una macchina ed una guida solo per noi e questa è stata la svolta della vacanza.
    Infatti la nostra guida, ali, è stato davvero straordinario. Ha tentato di esaudire tutti i nostri desideri anche se comportavano una deviazione consistente al primo itinerario concordato per visitare la fantastica kasbah di telouet, o l’apertura in “notturna” della kasbah di Amridil che desideravamo tanto vedere nonostante lo spaventoso ritardo sulla tabella di marcia.
    Il 31.12 abbiamo sostato in un hotel a Skoura e Mohamed e ali sono stati così gentili da aiutarci a trovare un paio di bottiglie di vino con cui brindare e della musica con cui festeggiare il nuovo anno.
    L’organizzazione del tour è stata perfetta, ed il deserto è davvero una esperienza emozionante, nonostante il gelo polare che arriva al calar del sole.
    In conclusione tutto davvero eccellente…da provare

  • erica
    12 marzo 2015 at 19:11

    Siamo da poco tornati dal Marocco ed è stata un viaggio bellissimo.
    Ci siamo affidati a un tour operator del posto contattato via internet prima del viaggio.
    L’agenzia a cui ci siamo rivolti è la Marvelous Morocco Tours gestita da personale berbero. Il viaggio è stato stupendo.

    Abbiamo prima visitato Casablanca, Rabat, Meknes e Fez, città imperiali interessanti per i loro monumenti e le medine con le stradine strette, i mercati, gli artigiani; da non perdere a Fez la zona della concia e della tintura delle pelli con le vasche bianche e colorate. Poi abbiamo attraversato il medio Atlante e, lungo la valle dello Ziz, siamo arrivati a Rissani e Merzouga fino alle porte del deserto. Abbiamo visitato il deserto nero e il deserto rosso, in cammello siamo arrivati alle dune dell’Erg Chebbi e passato una notte sotto le tende berbere nel deserto; all’alba le dune meravigliose si colorano di rosso e si stagliano sul cielo azzurro.
    Poi il sud del Marocco, le kasbahs, le gole del Todra e del Dades. Siamo ritornati al nord attraverso il Grande Atlante fino a Marrakech, città speciale con la sua medina, i palazzi, le moschee e la piazza Jemaa El-Fna piena di colori, di odori e di suoni. Infine Essaouira, l’Oceano Atlantico, il porto, le mura antiche e i pescherecci. Iddir e la Marvelous Morocco Tours sono la scelta migliore per visitare il paese. Con Iddir Hassan e Ibrahim ci siamo sentiti via mail ed abbiamo concordato l’itinerario, poi il viaggio è stato un piacere. Pernottamenti in hotel tutti bellissimi, macchine per spostarsi sempre nuove, pulite e perfette. Se volete viaggiare in coppia o con amici o anche con bambini piccoli al seguito va benissimo, Lo consiglio senza ombra di dubbio. Grazie Iddir . Cari Saluti, Erica Paolo Vanessa Nora Sara E felipe ….

Lascia una Commento