Diari Viaggiatori
Stai Leggendo
Tre ragazzi in viaggio in Brasile
Tipo di diario
0

Tre ragazzi in viaggio in Brasile

Di Stefano29 aprile 2012

Tre ragazzi in viaggio in Brasile Diario di: Stefano, Massimo e Cristian

viaggio in BrasileDopo un estenuante viaggio siamo arrivati a Rio de Janeiro il 17/07/2005 con circa otto ore di ritardo. Abbiamo soggiornato in questa mitica città solo per due giorni, poichè sono tanti i luoghi che abbiamo programmato di visitare. Per meglio comunicare con gli amici Italiani è ancora attivo il nostro vecchio numero di cellulare, ma è più economico contattarci al nuovo numero Brasiliano. Chi fosse interessato potrà inviarci un SMS o chiamarci al numero 00557-188665890. Il tempo è molto piovoso ed abbiamo deciso di iniziare l’avvicinamento alle località che da tempo avevamo individuato nel nord del Brasile. Il 20/7 lo passiamo in pulman con destinazione Porto Seguro. La pioggia comincia ormai ad infastidirci, ma finalmente nella giornata del 22/7 il sole ci sorride e possiamo andare in spiaggia, dove riceviamo sorrisi ammiccanti accompagnati da comprensibili sguardi di ammirazione. Dopo pochi minuti ci sentiamo completamente a nostro agio ed alcune ragazze desiderose di giocherellare con noi ci lanciano la palla. Accenniamo qualche passaggio ed il pubblico femminile capisce subito che abbiamo classe e prestanza fisica da vendere. Ci vengono fatte molte domande. Rispondiamo che proveniamo dalla Romagna e che ci stabiliremo in Brasile, dove verranno a farci visita tanti amici Italiani. Ci chiedono se abbiamo delle loro fotografie e ben volentieri mostriamo una foto di gruppo. Si scatena un putiferio e da ogni parte vengono fatti commenti entusiastici. Tra uno slurp e l’altro ci vengono chiesti i nomi di battesimo. Quello è Gianni di Bastiano, quell’altro è Losito e così via. Sentiamo un po’ di nostalgia per gli viaggio in Brasileamici che abbiamo lasciato in Italia, ma non ci viene lasciato il tempo per rattristarci. Siamo giunti alla conclusione che potremmo anche fermarci definitivamente a Porto Seguro, perchè è una cittadina molto vivibile, con poca delinquenza, che mantiene intatto il fascino del vecchio Brasile. Ci sono casettine basse in stile coloniale con possibilità di bellissime escursioni. Abbiamo visitato Arrail D’Ajuda, un bellissimo paesino al di là del fiume Porto Seguro. Siamo anche stati a Trancoso, dove per arrivare abbiamo dovuto percorrere una strada sterrata e guadare due piccoli fiumi con la Fiat Uno dell’82 che abbiamo noleggiato. Sono posti che consigliamo a chi è alla ricerca di emozioni autentiche e della natura incontaminata. Il 26/7 lasciamo Porto Seguro per raggiungere Salvador de Bahia. Il viaggio in pulman è durato 12 ore ininterrotte. La città è bella, ma troppo caotica di giorno. Di notte invece è semideserta e pericolosa. Il centro storico è veramente bello ed i dintorni affascinanti, soprattutto gli isolotti vicini di Itaparica e Morro di S. Paolo. Nella parte settentrionale c’è una lunga spiaggia bianca con alle spalle delle palme meravigliose. Senza troppi rimpianti lasciamo la città di Bahia dopo un solo giorno. Decidiamo di raggiungere Maceiò, ma con l’aereo. Se sai dove cercare, il costo dell’aereo è come quello del pulman, perciò prendiamo il volo pagando il biglietto aereo 35 Euro, contro i 30 Euro del pulman. Arriviamo a destinazione in piena notte. Il posto è bellissimo e da pochi anni si sta valorizzando turisticamente. Quasi sicuramente realizzeremo i nostri progetti iniziali in questa località. Prima di tutto affittiamo un bell’appartamento spazioso (tre camere da letto ecc.) per 15 giorni. Siamo entusiasti ed iniziamo a visitare la città ed i dintorni prendendo in esame alcune posada e ristorantini per un eventuale acquisto. Maceiò è un posto veramente bello e tranquillo, dove il turismo di massa non è ancora arrivato. In Settembre inaugurerà il nuovissimo aeroporto Piscinemaragogiinternazionale, che sarà collegato con voli diretti dall’Europa. Recentemente ha aperto un villaggio turistico la “Ventaglio” ed è facile prevedere che entro poco tempo avrà la stessa notorietà di Natal. Il mare è bellissimo e la sua costa è denominata costa dei cocheiros, per le spiagge bianche costellate di palmeti che la contraddistinguono. La barriera corallina si trova a poche centinaia di metri dalla spiaggia e mantiene l’acqua bassa, calma e limpida, con colori molto suggestivi. Al largo si trovano delle piscine naturali che si possono visitare con le tipiche imbarcazioni del luogo noleggiabili in spiaggia e chiamate jangade. Si possono fare escursioni rilassanti nelle vicine spiagge di Praia des franceses e Praia da Giunga, frequentate da moltissimi turisti. L’8 Agosto andremo a visitare Natal. Per dare un’idea dei posti ecco una foto delle piscine naturali Maragogi e Praia da Ponta Verde. Siamo arrivati a Natal ed abbiamo subito notato che e’ piena di trans. La città sta cambiando molto velocemente e stà assomigliando sempre più a Fortaleza. I turisti sono quasi tutti italiani ed un po’ nord europei. La baia di Ponta Negra resta comunque una delle più belle spiagge del nord est brasiliano e le mete vicine sono molto suggestive, come ad esempio le altissime dune di Genipabu. Consigliamo di provare una spericolata gita in dune-buggy, con i pazzi driver locali con i quali si possono provare emozioni simili alle montagne russe. Da visitare anche la bellissima Praia de Pipache, che si trova 80 km. a sud di Natal, dove si può trovare una natura incontaminata, ma anche bellissime feste in spiaggia durante la notte. Negli ultimi tempi Praia de Pipa è stata oggetto di numerosi investimenti stranieri che stanno modificando velocemente la natura di questa spiaggia. Natal è ideale per chi ama le spiagge più organizzate (con strutture simili a quelle italiane), ma soprattutto per chi ama la vita notturna, in quanto è piena di locali, pub e discoteche che fanno festa fino al mattino ogni giorno della settimana. Stiamo esaminando diverse opportunità per individuare il luogo migliore in cui fissare la nostra residenza, ma le conclusioni le trarremo viaggio in Brasileentro Agosto. Il 16/08 abbiamo fatto ritorno a Maceiò, perchè abbiamo deciso di realizzare i nostri progetti in questa stupenda località. Abbiamo lasciato l’Italia solo da un mese e fino ad ora tutto sta procedendo nel modo che avevamo previsto. E’ passata una settimana ed abbiamo iniziato a districarci nella non facile burocrazia brasiliana. Abbiamo visionato diversi immobili che potrebbero fare al caso nostro. Come primo passo, siamo orientati ad investire in un’attività’ turistica (ristorantepizzeriapousadagelateria), poichè la città’ manca di questo tipo di locali di stampo Italiano, visto che il turismo europeo non è ancora esploso, pur avendo tutte le carte in regola per farlo. Per tutti i fans che ci seguono attraverso il sito, diffondiamo una nostra foto in tenuta relax e lo scivolo di Natal. Più in basso possono essere ammirati alcuni panorami immortalati dagli amici che in Agosto hanno passato qualche giorno di ferie assieme a noi. Il 07/09/2005 è stato inaugurato il nuovo aeroporto internazionale di Maceiò per collegare direttamente la località ai maggiori aeroporti Europei. Ora è possibile prenotare il volo diretto dall’Italia anche attraverso il sito www.lauda.it , ma dal 2006 altre compagnie aeree metteranno in listino questa nuova rotta. Per questo motivo già da qualche tempo è molto difficile trovare degli spazi commerciali disponibili, poichè c’è stata una corsa all’acquisto da parte di molti investitori stranieri, soprattutto americani. Si stanno costruendo grandi strutture abitative e commerciali, ma molte di esse saranno agibili solo nella seconda parte del 2006. Siamo riusciti ad inserirci in alcuni bandi di assegnazione ma, non potendo aspettare così a lungo, stiamo prendendo accordi per cominciare a gestire alcune interessanti ed entusiasmanti attività turistiche nell’immediato futuro. Abbiamo anche impiantato un’attività di import-export. Ormai a Maceiò ci sentiamo di casa e ci hanno anche affibbiato un soprannome: “Brasil Angel”. A questo punto chi vuole essere informato sul percorso che stiamo facendo, troverà le nostre orme sugli altri link di questo sito. Stiamo pensando d’istituire una linea telefonica sul tipo di quelle che si usano in Italia per chiamare le sensitive o le donnine porcellone durante certe trasmissioni TV di emittenti locali. Per il momento potete chiamarci al 0055-8299161291 con una normale scheda telefonica prepagata. Con un costo di appena 5,00 euro potrete ascoltare la nostra voce (non registrata) per circa 30 minuti.

Cosa ne pensi?
Ottimo !
0%
Buono
0%
Cosi cosi
0%
Mah...
0%
Cosa?
0%
Pessimo
0%
No comment
0%
Approposito dell'autore
Stefano

Lascia una Commento