In Moto
Stai Leggendo
Goa… In Royal Enfield, consigli utili
Viaggi in moto
0

Goa… In Royal Enfield, consigli utili

Di Luciano Sanvito8 Marzo 2020

Visitare il Goa con una mitica Royal enfield, cose da sapere e cose da evitare

Il mio viaggio è cominciato ad Anjuna e terminato ad Anjuna 800 km percorsi in Goa da nord a sud in 10 giorni. Con una royal enfield 350

Quanto costa noleggiare una Royal al giorno?

India Royal Enfield

I prezzi variano dal noleggiatore, dalla stagione, dagli anni del mezzo, dalla cilindrata e ovviamente dal tempo che si prevede utilizzare la moto. 500/ 900 rp. Io ho speso 5400 rp 10 giorni,mese di Febbraio, per una Royal 350 abbastanza datata ma tutto sommato in buone condizioni. Noleggiare dall’italia utilizzando internet è in media più costoso, ma potreste iniziare il noleggio direttamente in aeroporto, risparmiando i soldi del taxi per le località sulla costa.

Targa gialla o targa bianca

Le moto e gli scooter dedicati al noleggio hanno la targa con le scritte in giallo sfondo nero, le altre due ruote le hanno nere su sfondo bianco. Non è possibile uscire dallo stato di GOA, con un mezzo con targa gialla, per esempio recarsi a Gokarna o ad Hampi, non è consentito. Se avete intenzione di uscire dallo stato cercate una mo

to intestata ad un “amico” indiano.

Patente e documenti

India Royal Enfield

Al momento del noleggio richiedete i documenti della moto, polizza assicurativa ecc., è consigliato avere anche un’assicurazione da viaggio che vi copre da eventuali danni contro terzi, io ho fatto questa. La patente ( internazionale) non è richiesta al momento del noleggio, ma potreste incorrere in problemi ad un controlla da parte della polizia ( frequenti nelle località più turistiche)

Per chi guida è obbligatorio l’uso del casco, per i passeggeri ( anche più di uno ) no. Viaggiare senza casco è sicuramente piacevole ma assolutamente sconsigliato, la sicurezza prima di tutto. Senza casco in testa sarete anche più soggetti a controlli e sanzioni. Il casco che vi darà il noleggiatore è spesso strausato e decisamente poco sicuro, io ho optato per un nuovo casco RoyalEnfield ad un prezzo di 1750 rp ( che poi mi sono portato a casa)

Benzina e rifornimenti

La benzina costa 72 rp circa, i distributori sono abbastanza frequenti in special modo sulla route 66, nelle località turistiche possono essere molto affollati, con lunghe code , nonostante il servizio è molto organizzato e veloce, potreste attendere diversi minuti prima di essere riforniti.

Condizioni delle strade e traffico

India Royal Enfield

Le condizioni del manto stradale sono generalmente accettabili, non mancano le buche, ovvio, ma non sono il pericolo maggiore.bisogna invece prestare la massima attenzione ai molti dissuasori presenti un po’ ovunque , sono perlopiù dossi singoli , ma molto molto ” appuntiti ” ,da affrontare a velocità molto moderata , sono spesso in prossimità di incroci o in prossimità dei centri abitati. Cani ,mucche , bufali, scimmie, animali in genere potrebbero improvvisamente invadere la strada,fate attenzione e guidate con prudenza.

Il traffico è intenso vicino ai grandi centri abitati , Panaji  e le altre città maggiori del tu tto accettabile sulle altre vie di comunicazione.

India Royal Enfield

In India si guida a sinistra ma é unpo’tutto concesso, il codice della strada è molto elastico,diciamo che vige la legge del più grosso ,un camion ha la precedenza su un SUV che ha la precedenza su un auto che ha la precedenza su un tuk tuk che ha la precedenza su una moto che ha la precedenza su una bicicletta che ha diritto di precedenza sul pedone. In sintesi quando vedete qualcosa di più grande di voi arrivare contromano , concedetegli strada.

 

Suono che ti passo

In India si suona il clacson, continuamente , ma non per mandare al diavolo chi ci precede ma per avvisare chi ci precede che stiamo arrivando , che lo stiamo sorpassando e quindi ci annunciamo. Non abbiate timore ad usarlo.

Sicurezza

India Royal EnfieldI furti di moto sono molto molto rari, infatti non ho mai visto nessuno usare il bloccasterzo, ho lasciato la moto con alcuni accessori facilmente prelevabili, parcheggiata più volte senza mai avere problemi.

Cosa ne pensi?
Ottimo!
0%
Buono
100%
Accettabile
0%
Mah?
0%
Pessimo
0%
Fa schifo
0%
Approposito dell'autore
Luciano Sanvito
Luciano Sanvito
Sono nato in Brianza nel 1964, due passioni, la moto e i viaggi, negli anni 80 i primi tre viaggi, zaino in spalla, nel subcontinente indiano, ripresi poi dopo due figli da crescere nel 2014 in compagnia di mio figlio Matteo, un viaggio indimenticabile per emozioni e sensazioni.

Lascia una Commento